IL DEMONE DI SHAKESPEARE – HAROLD BLOOM

Per Bloom, leggere o assistere a un dramma di Shakespeare, “ineguagliato psicologo” in cui sono già presenti “tutti gli aspetti essenziali di Freud”, significa leggere dentro noi stessi, scendere negli eterni abissi dell’essere. Falstaff e Cleopatra non sono personaggi: come tutte le creature shakespeariane, sono personali-tà irriducibilmente vive, in grado di irrompere nella vita di noi lettori, di incidersi nella nostra memoria, di cambiare insieme a noi.

  • Marchio: Rizzoli
  • Collana: Saggi
  • Prezzo: 22.00 €
  • Pagine: 500
  • Tipologia: CARTONATO
  • Data di uscita: 12/11/2019

    Cosa possiamo imparare da Cleopatra e Falstaff

    Harold Bloom si è innamorato di Sir John Falstaff all’età di dodici anni: “Ero un ragazzino piuttosto grassoccio e malinconico e mi accostai a lui per necessità, perché ero solo”; al 1974 risale invece l’innamoramento per Cleopatra, o meglio per la Cleopatra interpretata dall’attrice sudafricana Janet Suzman: “La voracità della don-na più seducente di tutta la produzione shakespeariana si declinava in un personaggio vivido, i cui sbalzi d’umore riflettevano la spinta propulsiva di una sessualità al suo apice”. Il cavaliere spaccone, maestro d’arguzia, compagno d’avventure e di bevute del futuro Enrico V, e l’affascinante regina d’Egitto, incarnazione della donna fatale, sono i protagonisti di questa nuova immersione di un gigante della critica contemporanea nell’universo dell’autore prediletto, l’ennesima dichiarazione d’amore per “il massimo scrittore che mai conosceremo”, come Bloom lo definisce nel suo capolavoro, Il canone occidentale.

Cosa possiamo imparare da Cleopatra e Falstaff

Harold Bloom si è innamorato di Sir John Falstaff all’età di dodici anni: “Ero un ragazzino piuttosto grassoccio e malinconico e mi accostai a lui per necessità, perché ero solo”; al 1974 risale invece l’innamoramento per Cleopatra, o meglio per la Cleopatra interpretata dall’attrice sudafricana Janet Suzman: “La voracità della don-na più seducente di tutta la produzione shakespeariana si declinava in un personaggio vivido, i cui sbalzi d’umore riflettevano la spinta propulsiva di una sessualità al suo apice”. Il cavaliere spaccone, maestro d’arguzia, compagno d’avventure e di bevute del futuro Enrico V, e l’affascinante regina d’Egitto, incarnazione della donna fatale, sono i protagonisti di questa nuova immersione di un gigante della critica contemporanea nell’universo dell’autore prediletto, l’ennesima dichiarazione d’amore per “il massimo scrittore che mai conosceremo”, come Bloom lo definisce nel suo capolavoro, Il canone occidentale.